David Johnson, CCH, RSHom(NA) pratica a Madison e Pewaukee, Wisconsin, ed è istruttore presso la Northwestern Academy of Homeopathy in Minnesota. È anche membro del team Hpathy e autore di numerosi articoli.

Nota del redattore: Si prega di consultare la recensione di Vatsala Sperling del libro di David Johnson in questo numero. LINK ALLA RECENSIONE DEL LIBRO DI VATSALA

VS: Per favore, spiega ai lettori cosa ti ha spinto a scegliere un titolo così ampio per il tuo libro, “Radianza, risonanza e guarigione; La tavola periodica omeopatica”

DJ: Il titolo del libro, “Radiance, Resonance and Healing” è stato usato perché Radiance enfatizza lo stato energetico degli elementi omeopatici; La risonanza sottolinea la necessità di una corretta corrispondenza con lo stato di disagio; e la guarigione è l’ideale che cerchiamo come risultato.

Il libro è strutturato in modo molto specifico, perché alcuni principi di base gettano le basi per la comprensione degli altri. Le serie orizzontali (righe; impostazioni in cui si sta verificando un problema) e gli stadi verticali (colonne; temi di connessione o disconnessione, supporto attraverso la struttura esterna e senso di capacità interna) vengono trattati per primi prima di coprire i lantanidi e gli attinidi.

Viene inoltre riesaminato il processo di riconoscimento delle formazioni e degli anioni, così come le riflessioni generali sull’assunzione di casi. Quindi, è pensato per la lettura generale di un praticante e un riferimento in ufficio. Poiché è il primo libro a coprire l’intero tavolo, la mia speranza è che offra un altro trampolino di lancio per imparare e applicare l’omeopatia a beneficio della nostra professione e di coloro che serviamo.

VS: Cosa ti ha ispirato a scrivere questo libro?

DJ: Elementi e composti sembravano venire più facili per me, e speravo di articolare alcuni principi generali sul tavolo in un linguaggio più semplice (ma non semplicistico).

Una volta che ho iniziato a annotare le note sugli elementi, tuttavia, sono rimasto sorpreso da come la scrittura abbia assunto una vita propria. Sono venute fuori una serie di domande inaspettate e sorprendenti, e in effetti, sembrava che gli elementi mi stessero insegnando attraverso il processo di scrittura.

In effetti- sto ridendo ora – ho imparato che se qualcuno vuole diventare abile in un argomento, prova a scrivere un libro su di esso! Il processo di “avvolgere le parole intorno agli stati energetici” è stato particolarmente rivelatore, ad esempio, descrivendo lo stato del fosforo, oltre a ripetere semplicemente parole scritte altrove molte volte.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *